• Grey LinkedIn Icon
  • Grey Facebook Icon
  • Grey LinkedIn Icon
  • Grey Facebook Icon

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA

MIGLIORAMENTO SISMICO

ECOBONUS 110%

Decreto Rilancio 2020

SUPERBONUS 110%, COME FUNZIONA?

Tutti i dettagli sul Superbonus 2020 al 110% previsto dal Decreto Rilancio

​Grazie al Superbonus al 110% chi esegue una ristrutturazione fino al 31 dicembre 2021

può contare su una detrazione del 110% delle spese sostenute per gli interventi

che migliorano l’efficienza energetica degli edifici e che riducono il rischio sismico.

Ecobonus 2020: come funziona, per quali lavori spetta il super bonus del 110% e quali invece le spese che danno diritto alle detrazioni ordinarie dal 50% al 75%?

Facciamo il punto sulle regole per l’accesso alla detrazione per i lavori di risparmio energetico. Accanto alla generalità dei bonus casa, anche per l’ecobonus ordinario entrano in campo le due novità:

La detrazione del 50 o 65% copre poi un elenco variegato di spese: rientrano nell’ecobonus le spese per sostituzione di finestre ed infissi, caldaie, pompe di calore. Insomma, sono diversi i lavori detraibili, secondo diverse aliquote e limiti di spesa.

L’ecobonus del 110% sarà invece riconosciuto esclusivamente per un ristretto numero di lavori, quelli che garantiscono le più elevate performance di risparmio energetico. Effettuare uno dei lavori trainanti consentirà però di accedere alla super detrazione per tutte le spese sostenete.

Le novità introdotte dallo scorso 1° luglio portano alla necessità di riepilogare

come funziona l’ecobonus 2020 e quali sono i lavori ammessi in detrazione fiscale.

COME FUNZIONA

L’ecobonus è il nome con il quale è definita la detrazione riconosciuta per i lavori di risparmio energetico effettuati sia su edifici singoli che in condominio.

A CHI SPETTA?

Possono usufruire della detrazione al 110% tutti i contribuenti sia residenti che non residenti (pure se titolari di reddito d’impresa) che possiedono l’immobile dove verrà realizzato l’intervento. Nel dettagli0:

  • le persone fisiche

  • i contribuenti titolari di reddito d’impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali)

  • le associazioni tra professionisti e gli enti (pubblici/privati) che non svolgono attività commerciale

  • i titolari di reddito d’impresa (solo con riferimento ai fabbricati utilizzati per l’attività imprenditoriale)

  • i titolari di un diritto sull’immobile, i condòmini (per gli interventi sulle parti comuni condominiali) e gli inquilini che hanno l’immobile in comodato

  • il familiare/coniuge o convivente more uxorio che vive con il possessore/detentore dell’immobile dove verrà realizzato l’intervento (a patto che sostenga personalmente la spesa)

COME RICHIEDERLO?

Chi richiede l’agevolazione dovrà essere in possesso dei seguenti documenti:

  • scheda relativa agli interventi realizzati

  • asseverazione di un tecnico abilitato o del direttore dei lavori che dimostri che l’intervento è conforme ai requisiti  richiesti

  • APE (attestato di prestazione energetica). L’APE non è richiesto per gli interventi di:
    • sostituzione di finestre e infissi in singole unità immobiliari e l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda;
    • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con caldaie a condensazione
    • acquisto e posa in opera di schermature solari
    • installazione di impianti di climatizzazione dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili
    • acquisto e installazione di dispositivi multimediali.

I lavori vanno realizzati tra il 1 luglio 2020 e il 31 dicembre 2021 e l’agevolazione consiste in una detrazione dall’Irpef o dall’Ires. La regola vale anche per le facciate dei palazzi, che potranno essere rinnovate praticamente gratis!

COME OTTENERE LA DETRAZIONE?

CEDERE LA DETRAZIONE (O SCONTO IN FATTURA)

In alternativa alla fruizione della detrazione in dichiarazione dei redditi, è possibile optare per la cessione della detrazione.

Come fare?

In accordo con il fornitore si può ottenere uno sconto in fattura di importo massimo pari alla spesa da sostenere, che lui recupera sottoforma di credito d’imposta, oppure si può optare per la cessione a terzi, comprese banche e finanziarie del credito d’imposta pari alla detrazione spettante. Sia il fornitore che gli altri soggetti che ricevono la detrazione possono cederla a loro volta ad altri soggetti sempre sottoforma di credito d’imposta nei confronti dello Stato. Nel caso in cui ci siano più soggetti che hanno diritto alla detrazione, ognuno può scegliere come comportarsi indipendentemente dalla scelta fatta dagli altri tra ottenere la detrazione o optare per la cessione.

Per accedere alla cessione del credito devi richiedere ad un CAF o a un professionista abilitato alla trasmissione delle dichiarazioni dei redditi (commercialisti, consulenti del lavoro…) del visto di conformità dei dati relativi alla documentazione che, in pratica, attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione d’imposta per gli interventi realizzati.

Inoltre, la cessione del credito deve esser comunicata all’Agenzia delle entrate tramite apposito modulo online oppure affidandosi a un intermediario abilitato. Ricorda che per il 2020 e il 2021 la cessione del credito o lo sconto in fattura sono permessi anche sui seguenti lavori, svincolati dal superbonus:

  • interventi di ristrutturazione edilizia;

  • riqualificazione energetica;

  • interventi antisismici;

  • rifacimento delle facciate;

  • installazione di impianti fotovoltaici;

  • installazione di colonnine di ricarica per veicoli elettrici

di conseguenza anche questa cessione deve esser comunicata tramite la modulistica predisposta dall’Agenzia delle Entrate.

PER QUALI LAVORI SI PUO' RICHIEDERE L'ECOBONUS 110%?

Gli interventi che danno diritto alla detrazione del 110% sono sostanzialmente di due tipi:

  • la singola unità immobiliare

  • il condominio

  • escluse le nuove costruzioni

Di fatto si agevolano i grossi interventi che migliorano la prestazione termica dell'edificio e quelli volti a ridurre il rischio sismico.

Si potrà richiedere l’ecobonus al 110% per tutti i lavori già elencati nel precedente testo di legge più due importanti novità. Vediamo insieme la totalità dei lavori ammessi:

  • Interventi di isolamento termico

  • Interventi condominiali per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti

  • Interventi su edifici singoliInterventi su edifici singoli

Se su di uno stesso immobile vengono eseguiti più interventi che danno diritto al superbonus, la spesa massima detraibile è data dalla somma dei limiti di spesa fissati per ogni intervento. Allo stesso modo, per gli interventi condominiali, la spesa detraibile che spetta ad ogni condomino è fissata in base ai millesimi di parti comuni di sua competenza.

La detrazione del 110% si applica anche alle spese funzionali all’esecuzione dell’intervento, quali l’acquisto di materiali, la progettazione e le spese professionali, perizie, installazione di ponteggi, smaltimento dei materiali rimossi, Iva, imposta di bollo, diritti sui titoli abilitativi edilizi.

Il superbonus del 110% spetta anche per alcuni interventi che vengono eseguiti congiuntamente ad almeno uno di quelli appena visti e che per questo vengono definiti “trainati”. In particolare, viene riconosciuto  il superbonus per:

  • sostituzione di finestre e infissi

  • installazione caldaie a biomassa/condensazione di classe energetica A

  • interventi di coibentazione

  • riqualificazione totale per ridurre del 50/60% le spese di gas e luce

  • installazione di pompe di calore, caldaie, scaldacqua a pompa di calore, schermature solari, sistemi di building automation, pannelli fotovoltaici e collettori solari per produrre acqua calda

  • rifacimento facciate e lavori condominiali di efficientamento energetic;

  • impianti fotovoltaici

  • messa in sicurezza di strutture rafforzate per chi vive nelle zone a rischio sismico

  • acquisto di accumulatori/colonnine di ricarica per auto elettriche

 

 

 

 

L'ECOBONUS 110% SI APPLICA ANCHE AD ALTRE SPESE?

CESSIONE DEL CREDITO

SCONTO IN FATTURA

Lo studio

PLANB DEISIGN è uno studio di architettura e design con base a Milano.

Attivo nel campo dell'interior design e della comunicazione.

Follow us

  • Grey LinkedIn Icon
  • Grey Facebook Icon

Competenze

INTERIOR DESIGN

ALLESTIMENTI

BRAND & CORPORATE IDENTITY

GRAPHIC DESIGN

Contattaci

PLANB DESIGN srl

Via G. Rossetti, 11 - 20145 Milano (MI)

+39 02. 365 824 68

info@planbdesign.it

​www.planbdesign.it

Copyright 2014 by PLANB Design  P.IVA  08731490960  - All rights reserved - Powered by PLANB DESIGN